Coxartrosi: sostituzione totale o resurfacing - Ortopedic.it - Benvenuti sul Sito di Informazione e Consulenza Ortopedica - a cura di Filippo Luciano Dr. Venuto

Vai ai contenuti

Menu principale:

Coxartrosi: sostituzione totale o resurfacing

News > Artrosi

Artrosi dell'anca: sostituzione totale vs resurfacing
Nei pazienti affetti da grave artrosi dell'anca, non si nota una differenza di funzionalità tra quanti, a distanza di un anno dall'intervento, sono stati sottoposti ad artroplastica totale (completa sostituzione della testa e del collo femorali) oppure a “resurfacing” (sostituzione della sola superficie articolare della testa femorale, con mantenimento del collo del femore). Restano incerti gli outcome a lungo termine. È quanto deriva dall'esperienza di Matthew L. Costa, dell'università di Warwick, a Coventry (UK), e della sua équipe, autori di una ricerca condotta su 126 pazienti di età superiore a 18 anni con grave artrosi dell'anca e considerati eligibili al resurfacing, allo scopo di confrontare l'efficacia clinica ed economica di questa tecnica con quella più tradizionale. Il team ha assegnato, in modo randomizzato, 60 pazienti all'effettuazione del resurfacing, e 66 all'artroplastica totale. Come principali misure di outcome si è assunta la funzionalità dell'anca a 12 mesi dopo la chirurgia, valutata con gli score Oxford e Harris. L'analisi intention-to-treat non ha evidenziato differenze nella funzione dell'articolazione tra i 2 gruppi a 12 mesi, e i punteggi Oxford e Harris riferiti all'anca sono apparsi sostanzialmente sovrapponibili. Ciò nonostante, affermano gli autori dello studio, non si può escludere con certezza che vi possano essere differenze clinicamente significative nella funzionalità dell'anca nel breve termine. Infine, seppure non si siano registrate differenze nei tassi di complicanze tra i due gruppi di trattamento, si è riscontrato un maggiore numero di complicanze in sede di ferita chirurgica nel gruppo artroplastica totale, mentre in quello resurfacing si sono avuti più eventi tromboembolici.

BMJ, 2012; 344:e2147








Torna ai contenuti | Torna al menu